Come dire Virus in cinese – Guida di LTL per parlare della tua salute

Il vocabolario per parlare di virus in cinese

Se siete curiosi di sapere “Come dire virus in cinese” o di imparare a parlare di altri problemi di salute, questo è l’articolo giusto.

Saper parlare della propria salute, di come ci si sente e dei sintomi è molto importante se si vive in Cina.

Che si tratti di un piccolo problema come un mal di testa o di un qualcosa di più serio, è bene sapere come descrivere i propri sintomi e conoscere anche alcuni termini più tecnici.

Virus in Cinese – Andare dal dottore o in farmacia

Virus in Cinese – Sintomi

Virus in Cinese – Termini tecnici

Virus in Cinese – Tipi di malattie

Virus in Cinese – Rispettare l’igiene

Virus in Cinese – Vivere in Cina ai tempi del Coronavirus

La storia di Max

La storia di Evelyn

La storia di Tobias and Mikkel

La storia di Hannah

Virus in Cinese – Andare dal dottore o in farmacia

Per iniziare, occorre imparare alcuni vocaboli di base:

  • Hospital 医院 yīyuàn
  • Doctor 医生 yīshēng
  • Nurse 护士 hùshì
  • Pharmacy 药店 yàodiàn
  • Pharmacist 药剂师 yàojì shī
  • Medicine 药 yào

Ed ora alcune semplici espressioni per chiedere informazioni utili

Per favore, mi porti all’ospedale. 请带我去医院。Qǐng dài wǒ qù yīyuàn.

Come posso raggiungere l’ospedale in autobus? 去医院要坐哪一路公交?Qù yīyuàn yào zuò nǎ yīlù gōngjiāo?

Dove si trova l’ospedale più vicino? 最近的医院在哪里? zuìjìn de yīyuàn zài nǎlǐ.

Ho bisogno di vedere un medico. 我需要看医生 wŏ xūyào kān yīshēng.

Dovresti vedere un dottore. 你应该去看医生。Nǐ yīnggāi qù kàn yīshēng.

Dove posso comprare dei medicinali? 我到哪里可以买些药? Wǒ mǎi dào nǎlǐ kěyǐ mǎi xiē yào?

Questi sono reperibili in farmacia. 这些可从一药剂师得到。。 Zhèxiē kě cóng yī yàojì shī dédào.
Hai preso qualche medicina? 你吃过药了吗?Nǐ chī yàole ma?
Quante medicine prendo alla volta? 这药我每次吃多少?Zhè yào wǒ měi cì chī duōshǎo?

Virus in Cinese – Sintomi

Ora, se si va in ospedale o in farmacia è importante essere in grado di comunicare come ci si sente. Sicuramente non si vuole finire per ricevere il farmaco sbagliato! Qui di seguito, sono riportati alcuni termini e frasi utili per descrivere i sintomi più comuni.

Sintomo 症状 zhèngzhuàng

Quali sono i suoi sintomi? 你有什么症状? Nǐ yǒu shénme zhèngzhuàng?

  • Sentirsi poco bene不舒服 bù shūfu
    Non mi sento bene 我身体不舒服 Wǒ shēntǐ bú shūfú
    Cosa ti disturba / Dove ti fa male? 你哪里不舒服? Nǐ nǎlǐ nǎlǐ bú shūfú?
  • Essere malati 生病 shēngbìng
    Sono malato, non posso andare al lavoro. 我生病了,不能去上班了 Wǒ shēngbìngle, bùnéng qù shàngbānle
  • Febbre 发烧 fā shāo zhuangzheng
    Ho un po’ di febbre 我有一点发烧了 Wǒ yǒu yīdiǎn yīdiǎn fāshāole
  • Mal di testa 头疼 tóuténg Ho mal di testa 我有点儿头疼 Wǒ yóu diǎnr tóuténg

Mal di stomaco 胃疼 wèi téng

Ieri ho avuto un brutto mal di stomaco 昨天我胃疼 Zuótiān wǒ wèi téng

Qui noterete l’utilizzo della parola 疼 téng (“sentire male” o “doloroso”) dopo il nome di una parte del corpo. Ciò indica, appunto, il provare una sensazione di dolore nell’area specificata. In alcune parti della Cina, più comunemente il sud e Taiwan, si usa, invece, la parola 痛 tòng.

Starnuto 喷嚏 pēntì
Ho starnutito tutto il giorno. 我打了一整天喷嚏。Wǒ dǎle yī zhěng tiān pēntì.

Naso che cola 流鼻涕 liú bítì
Ho preso un raffreddore. Ho mal di testa, mi cola il naso. 我感冒了, gǎnmào le,头疼,流鼻涕。wǒ gǎnmào le,tóuténg,liú bítì.

Avere un giramento di testa 头晕 tóu yūn
Mi gira la testa, devo sedermi. 我觉得头晕,得坐下来 wǒ juédé tóuyūn, dé zuò xiàlái

Tosse 咳嗽 ké sòu
Chiedi al medico di prescriverti qualcosa per la tosse. 请医生开点咳嗽药 Qǐng yīshēng kāi diǎn késòu yào

Nausea 恶心 ěxīn
Non voglio mangiare niente, ho un po’ di nausea. 我什么也不想吃,我有点儿恶心。Wǒ shénme yě bùxiǎng chī, wǒ yǒudiǎn er ěxīn.

Vomito 呕吐 ǒu tù
I sintomi di questa malattia sono febbre e vomito.这种病的症状是发烧与呕吐。Zhè zhǒng bìng de zhèngzhuàng shì fāshāo yǔ ǒutù.

Diarrea 拉肚子 lā dùzi
Abbiamo entrambi vomito e diarrea. Abbiamo sicuramente un’intossicazione alimentare.我们俩都呕吐,拉肚子。肯定是食物中毒了。wǒmen liǎ liǎ dōu ǒutù,lā dùzi。kěndìng shì shíwù zhòngdú le。

Virus in Cinese – Termini tecnici

Oltre al lessico di base potreste voler conoscere anche qualche ulteriore termine tecnico. Ecco alcune delle parole più utili da sapere quando si va in farmacia o in ospedale:

  • Antibiotici 抗生素 kàngshēngsù
  • Sciroppo per la tosse 止咳糖浆 zhǐké tángjiāng
  • Temperatura 体温 tǐwēn
  • Termometro 体温计 tǐwēnjì
  • Ago 针 zhēn
  • Fare un’iniezione 打针 dǎzhēn
  • Vaccino 疫苗 yìmiáo
  • Check-up medico 检查身体 jiǎnchá shēntǐ
  • Esame del sangue 验血 yàn xiě

I seguenti esempi sono frasi che mostrano l’uso di alcuni dei termini sopraelencati

Le darò delle medicine per la tosse e delle compresse di antibiotici. 我给开点咳嗽药和一些抗生素药丸。Wǒ gěi kāi diǎn késòu yào hé yīxiē kàngshēngsù yàowán.

Ecco un termometro. Per prima cosa, misureremo la temperatura. 给你体温计,先量一下体温。gěi nǐ tǐwēnjì,xiān liáng yīxià tǐwēn.

Questo vaccino le garantirà l’immunità per due anni. 接种这种疫苗可有两年免疫力。Jiēzhǒng zhè zhǒng yìmiáo kě yǒu liǎng nián miǎnyì lì.

Dovrebbe andare a farsi visitare da un medico. 您应该让医生给您检查身体。Nín yīnggāi ràng yīshēng gěi nín jiǎnchá shēntǐ.

Virus in Cinese – Tipi di malattie

Naturalmente, essere capaci di descrivere i propri sintomi in cinese è un’ottima cosa, ma bisogna anche sapere quale malattia si può avere. Fiduciosi che, al massimo, vi toccherà ricordare come si dice “raffreddore”, lasciamo comunque in basso la traduzione dei nomi di alcune delle malattie più comuni.

  • Virus 病毒 bìngdú
  • Coronavirus 冠状病毒 Guānzhuàng bìngdú
  • Influenza 流感 liúgǎn
  • Raffreddore 感冒 gǎnmàoPolmonite 肺炎 fèiyán
  • Infezione 感染 gǎnrǎn
  • Infezione a toracica 胸部感染 Xiōngbù gǎnrǎn
  • Allergia 过敏 guòmǐn
  • Asma 哮喘 xiàochuǎn
  • Intossicazione alimentare 食物中毒 shíwù zhòngdú

Quando c’è il pericolo di un virus in giro, è ovviamente fondamentale cercare di essere il più rigorosi possibili. Ecco qualche vocabolo utile che dovrebbe aiutare a tenersi al sicuro!

  • Igiene 卫生 wèishēng
  • Mascherina 口罩 kǒuzhào
  • Indossare la mascherina 戴口罩 dài kǒuzhào
  • Sapone 肥皂 féizào
  • Sapone liquido per le mani 洗手液 xǐshǒu yè
  • Lavarsi le mani 洗手 xǐshǒu
  • Fazzoletto 纸巾 zhǐjīn

Vivere in Cina ai tempi del Coronavirus

Il Coronavirus in Cina del 2020 ha segnato l’inizio di un momento particolare anche per staff e per gli studenti di LTL.

Molti sostengono che il tempismo non sia stato dei migliori, se si considera che il virus ha iniziato a diffondersi poco prima della migrazione di massa tipica del Capodanno cinese.

Secondo un’altra chiave di lettura, però, non avrebbe potuto esserci un periodo migliore per contenere i danni, perché, è proprio tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio che le metropoli (Pechino, Shanghai, Shenzhen) registrano meno presenze e spostamenti.

Non capita spesso di potersi distendere sui sedili della metropolitana di Shanghai… un passo avanti nel Capodanno cinese/Coronavirus 2020

Sebbene il consueto periodo di calma di una settimana fosse la norma in queste grandi città, il governo, a fine gennaio, stava già facendo in modo di evitare lunghi viaggi di ritorno verso le metropoli per fermare la potenziale diffusione del Coronavirus.

Inizialmente la vacanza è stata prolungata di 2 giorni (fino al 3 febbraio 2020), e poi di un’altra settimana, e in alcuni casi, per un periodo ancora più lungo.

A ciò si aggiunga che una grande percentuale di negozi, ristoranti e trasporti è rimasta chiusa… il Coronavirus del 2020 si è diffuso davvero in un momento particolare per l’intera Cina.

Ecco alcuni racconti di vita in Cina nel periodo di diffusione del Coronavirus del 2020. Il primo è di Max, Direttore di Marketing di LTL, che si trova a Pechino; il secondo è di Evelyn, studentessa presso LTL Shanghai, impegnata con il suo Video blog che racconta della sua permanenza in Cina.

Concludiamo con altri due video blogger, Tobias e Mikkel, che con il loro canale YouTube (Challenge Yourself), hanno collaborato con noi per 90 giorni e ci hanno mostrato la città di Shanghai ai tempi del Coronavirus.

Coronavirus in Cina – La Storia di Max

Da stranieri che lavorano in Cina, eravamo già pronti a trovarci faccia a faccia con i pro e i contro tipici del periodo del Capodanno cinese :

  • Trovare facilmente un posto a sedere su qualsiasi linea della metropolitana di Pechino in qualsiasi momento;
  • Vedere bar e ristoranti chiusi, soprattutto se gestiti da gente del posto;
  • Vagare per una città fantasma.

Eravamo consapevoli che le città avrebbero cambiato aspetto, ciò che non ci aspettavamo è che tale situazione si protraesse più a lungo della solita settimana. Nessuno poteva immaginare che Pechino permanesse nella sua  versione fantasma per oltre un mese.

Allo stesso modo, anche il gran numero di cittadini partiti da Pechino per passare insieme ai propri cari l’inizio nuovo anno, certamente non potevano immaginare che la “vacanza” sarebbe durata tanto.

Questa è Pechino, per circa un mese, all’inizio del 2020

Vivere a Pechino in questo periodo è diventato ogni giorno più strano, a causa della crescente diffusione del Coronavirus soprattutto nella provincia dell’Hubei.

Anche se, va detto, non mi sono mai sentito a rischio contagio qui a Pechino, neanche per un solo minuto, anche perché non si vede praticamente nessuno in giro.

In ogni caso, ciò che si nota è che le normali norme igieniche vengono applicate, solo con maggior attenzione.

  • Bisogna lavarsi spesso le mani
  • Cercare di non toccare oggetti, se non è necessario
  • E non ci si deve toccare spesso il viso.

È solo questione di buon senso. Intanto, per strada, il numero di persone con la maschera è aumentato gradualmente, fino a rendere davvero difficile trovare, in giro, qualcuno sprovvisto.

La Cina si è dimostrata incredibilmente reattiva agli eventi giorno per giorno. I rilevamenti della temperatura corporea sono, man mano, diventati una norma, prima in metropolitana, poi anche all’uscita del proprio palazzo, o all’ingresso dei pochi negozi rimasti aperti. Giusto per scongiurare ogni situazione rischiosa.

I trasporti sono diventati sempre più limitati.

Alcuni quartieri hanno addirittura dovuto affrontare la quarantena. Ad un membro della famiglia era consentito di uscire solo in un determinato momento, per andare a prendere acqua e generi alimentari. Una misura estrema, ma si era disposti a tutto fermare la diffusione.

Purtroppo, secondo le indicazioni del governo, abbiamo dovuto chiudere la nostra scuola di Pechino (lo stesso è accaduto a Shanghai, solo a Taipei la situazione è rimasta quella di sempre).

È un provvedimento con cui siamo stati pienamente collaborativi. La sicurezza del nostro personale e degli studenti è fondamentale.

Le lezioni sono state spostate su internet e i nostri studenti sono stati incredibilmente collaborativi.

Guardate qui due dei nostri studenti che si divertono con noi durante le lezioni online.


La famiglia di LTL si è sparpagliata in tutto il mondo, da Pechino a Singapore, in Italia, in Francia, a Hong Kong e nel Regno Unito.

Sono state veramente delle settimane fuori dal comune che hanno coinvolto tutti noi, e che non dimenticheremo mai.

Coronavirus in Cina – La Storia di Tobias e Mikkel

Tobias e Mikkel stavano studiando presso la sede di LTL a Shanghai nello stesso periodo in cui lo faceva Evelyn.

Contemporaneamente, quotidianamente, si occupavano del loro video blog.

Sono diversi i video in cui si vede una Shanghai piuttosto abbandonata.

Qui ce n’è uno del 23 gennaio 2020, quando il numero di casi di Coronavirus ha iniziato ad aumentare in modo piuttosto significativo e il Capodanno cinese stava per iniziare.

Coronavirus in Cina – La storia di Hannah

Recentemente io e mia sorella abbiamo viaggiato in Giappone. Viaggiare durante l’epidemia di coronavirus ha comportato l’adozione di misure straordinarie in aeroporto, in aereo e al momento dell’atterraggio per garantire la salute e la sicurezza di tutti.

Siamo partite dall’aeroporto internazionale di Pudong, che era stranamente vuoto. Non c’era letteralmente nessuna fila quando abbiamo fatto il check-in per il volo. Anche la fila alla sicurezza era davvero corta.

Dato che immaginavamo che ci sarebbero stati dei controlli in aeroporto, siamo arrivate in largo anticipo, ma la mancanza di gente ci ha fatto aspettare al gate per un’ora e mezza prima dell’imbarco. Inoltre, molti ristoranti e negozi all’interno dell’aeroporto erano chiusi.

Ci hanno controllato più volte la temperatura! All’ingresso dell’aeroporto di Pudong, un membro dello staff che indossava una tuta integrale in stile Hazmat, completa di guanti e mascherina, ha rilevato la temperatura di tutti. Poi, un’ulteriore test con il termometro, è avvenuto, una volta saliti a bordo dell’aereo, in tutta sicurezza.

Ci è stato chiesto di compilare un modulo sanitario all’uscita e all’entrata della Cina. Il modulo chiedeva se eravamo stati nella provincia di Hubei negli ultimi 14 giorni, se eravamo stati in contatto con qualche malato o se mostravamo i sintomi tipici del virus. Fortunatamente, questo non ha causato ritardi. Abbiamo consegnato il modulo, un membro dello staff l’ha controllato e siamo partiti.

Quando siamo saliti a bordo, abbiamo scoperto che era pieno solo per 2/3, perché ogni passeggero aveva con un posto vuoto affianco. Non era permesso ai passeggeri di sedersi l’uno accanto all’altro, e tutti indossavano delle mascherine. Sull’aereo è stato annunciato che il servizio pasti era sospeso e che sarebbero stati forniti solo spuntini. Tutti i passeggeri avevano l’obbligo di indossare le mascherine per tutta la durata del volo. Sull’aereo, ci sono stati dati diversi moduli e un opuscolo sul virus. Oltre al normale modulo doganale, abbiamo dovuto compilare anche un ulteriore modulo riguardo lo stato della nostra salute.

Coronavirus in Cina – I voli non erano affollati, poiché le persone non viaggiano molto durante l’epidemia

I voli non erano affollati, poiché le persone non viaggiano molto durante l’epidemia.

Quando siamo arrivati in Giappone, le nostre temperature sono state nuovamente controllate. Abbiamo dovuto firmare un altro modulo in cui ognuno dichiarava che, negli ultimi 14 giorni, non era stato nella provincia di Zhejiang, un’altra provincia altamente colpita dal virus. Siamo stati persino guidati in un’apposita area per disinfettare le scarpe, in modo che le suole non trasportassero germi o batteri indesiderati nel Paese di destinazione.

Eravamo un po’ preoccupate che il nostro volo di ritorno sarebbe stato annullato durante il nostro fine settimana in Giappone, ma, fortunatamente, è partito come da programma! Il volo di ritorno a Shanghai ha seguito più o meno le stesse procedure di quello per il Giappone. L’aeroporto di Osaka non era vuoto come quello di Shanghai, ma ci hanno controllato la temperatura più di una volta.

Questa volta, i passeggeri erano seduti uno accanto all’altro sull’aereo, ma, hanno comunque dovuto indossare la mascherina per tutta la durata del volo. Anche il servizio pasti a bordo è stato sospeso. Durante il volo ci hanno controllato la temperatura due volte, una prima dell’imbarco, l’altra prima dell’atterraggio. Quando siamo tornati a Shanghai, abbiamo dovuto compilare lo stesso modulo sanitario che abbiamo compilato al momento della partenza. Anche in questo caso, è stato tutto abbastanza veloce e indolore.

Nel complesso, ero preoccupata per le misure di controllo supplementari che comportavano i viaggi in entrata e in uscita dalla Cina, ma non abbiamo avuto troppi problemi. Sicuramente ci sono state delle procedure ripetute all’inverosimile, ma ovviamente, sempre mirate a limitare il contagio del virus e a tenerlo sotto controllo.


Come si dice Coronavirus in cinese?

Coronavirus in cinese si dice 冠状病毒 Guānzhuàng bìngdú

Come si dice mascherina in cinese?

Maschera facciale in cinese si dice 口罩 kǒuzhào.

Come si dice “sono malato” in cinese?

Sono malato in cinese si dice 我生病了 Wǒ shēngbìng le.

Come si dice dottore in cinese?

Dottore in cinese si dice 医生 yīshēng.

Contatta un consulente!
  • LTL Avatar  Irene Magnosi
    Irene Magnosi, LTL Cinese

    Buon pomeriggio, benvenuto a LTL Cinese! Posso aiutarti?




    captcha